La migliore banca per investire

Sai qual è la migliore banca per investire? (forse)

Partiamo dal fatto che non c’è “la migliore banca per investire”, però per investire ci serve avere un intermediario o una piattaforma che ti consenta di negoziare gli strumenti finanziari.

Ecco l’articolo su come scegliere la migliore banca se vuoi avere il pieno controllo delle tue finanze

Bene! Ho analizzato le principali banche, piattaforme e intermediari presenti in Italia che danno questa possibilità. 

 

In questo articolo ti spiegherò quale sia la migliore piattaforma per investire analizzando principalmente i costi di ogni piattaforma

 

Alla fine dell’articolo troverai anche un piccolo simpatico file che ti consentirà di confrontare tutte le piattaforme di questo articolo e ti mostrerà con un grafico quale sia la migliore banca per investire in base alle tue esigenze d’investimento in modo che potrai identificarla con un solo colpo d’occhio!

 

Ma prima…

Lorenzo Ghirigato

Lascia che mi presenti: sono Lorenzo Ghirigato e dal 2023 sono un consulente finanziario indipendente iscritto all’albo. 

Negli anni passati, ho collaborato con una nota società italiana di formazione finanziaria in cui avevo il ruolo di tutor formativo per i clienti della società. In sostanza ero il loro punto di riferimento riguardo alla formazione finanziaria.

 

Grazie a questa esperienza mi sono accorto che la sola formazione non era sufficiente per soddisfare le esigenze delle persone, così ho deciso di diventare un consulente indipendente e avere la possibilità di seguire i miei clienti a 360° sulle loro finanze.

Ma torniamo a noi…

Tabella dei Contenuti

Qual è la migliore banca per investire?

Ci sono delle domande che mi vengono fatte da ogni cliente e una di queste è proprio: “quale banca utilizzo per investire?” 

 

Giustamente quando si investe con il consulente bancario o la banca tradizionale, questo problema non ce lo si pone perché è proprio la banca a fare da intermediario. 

 

Purtroppo, come abbiamo visto in altri articoli, le banche non hanno un sistema molto efficiente nel gestire i nostri risparmi, per cui se vogliamo dare una svolta alle nostre finanze e prendere in mano la situazione, dobbiamo anche trovare una banca che ci consenta di negoziare i vari strumenti finanziari in base alle nostre esigenze.

 

Bene! Per rispondere a questa domanda ho deciso di analizzare con cura le principali banche e piattaforme presenti sul mercato italiano ad oggi e stilare una classifica di quale sia la migliore (secondo me)

 

Le banche e piattaforme che ho analizzato sono:

  • Directa
  • Fineco
  • Banca Sella
  • Widiba
  • Degiro
  • Mediolanum
  • Intesa Sanpaolo

 

Vediamo cosa è emerso…

L’analisi nel dettaglio:

Bene! Partiamo con l’analisi di questi intermediari!

Per arrivare a stabilire quale sia la migliore banca per investire ho voluto soffermarmi ad analizzare due aspetti cruciali: l’impatto delle commissioni e la comodità di utilizzo della piattaforma. 


  • L’impatto delle commissioni:
    Le commissioni sono tra le cose (se non LA COSA) più importante da considerare. Investire è un’attività ricorrente nel tempo, per cui nella nostra “carriera da investitori” andremo ad effettuare diverse operazioni di acquisto e di vendita; quindi anche risparmiare 1€ o lo  0,1% può fare la differenza tra 20 o 30 anni.

    Ora vediamo quali sono le varie commissioni applicate dai principali intermediari presenti in Italia.


  • Comodità di utilizzo:
    Su quest’ultima sono giunto alla conclusione che non c’è un intermediario migliore, o almeno, non in termini assoluti.

    Tutte queste piattaforme sono online e accessibili da ogni dispositivo e sistema operativo (e questa è già una cosa molto importante)

    Poi sulla comodità di utilizzo è un giudizio puramente personale.
    Alla fine dell’articolo ti condivido la mia scelta finale, ma tutte queste piattaforme sono “facili da usare” dopo aver preso un pò di dimestichezza con le varie funzionalità

 

Partiamo!

 

P.S.: (qui sotto parlerò di “operazioni” ed “eseguiti”. Si tratta delle operazioni di acquisto o vendita degli strumenti finanziari. Ogni operazione comporta un eseguito)

Directa

Directa è una SIM (Società di Intermediazione Mobiliare) e si occupa proprio di dare la possibilità agli investitori di accedere ai mercati finanziari in modo che possano negoziare autonomamente i propri risparmi.

 

Commissioni:

Directa ha due profili commissionali: uno fisso e uno variabile:


  • Commissioni fisse:
    La commissione fissa per ogni operazione è di 5€.
    Possono sembrare tanti, ma già con un eseguito di capitale di 2.700€ conviene la commissione fissa rispetto a quella variabile


  • Commissioni Variabili:
    La commissione variabile è calcolata con uno 0,19% sull’importo dell’operazione con un minimo di 1,50€ e un massimo di 18€

 

Ha a disposizione una lista di ETF a zero commissioni che puoi trovare qui. Inoltre consente di impostare dei PAC automatici su alcuni ETF

 

Ovviamente, le commissioni variabili sono ottime per chi fa tante operazioni e di importi bassi (inferiori a 2.700€ ad operazione)

Fineco

Fineco è una delle principali banche italiane che offre due possibilità di accesso ai mercati: una con il conto trading e un’altra con il conto tradizionale

 

Commissioni:

  • Conto trading:
    Con il conto trading si paga una commissione variabile dello 0,19% in base all’importo dell’operazione con minimo 2,5€ e massimo 19€


  • Conto tradizionale:
    Con il conto tradizionale si pagano 19€ per ogni operazione (questo importo può ridursi a 2,95€ in caso di un elevato numero di operazioni o di capitali superiori ai 2.000.000€)


Anche Fineco ha a disposizione una lista di ETF a zero commissioni che puoi trovare qui. Inoltre consente di impostare dei PAC automatici su alcuni ETF

Banca Sella

Banca Sella da la possibilità di aprire un conto trading tradizionale con commissioni fisse o variabili oppure di aprire un conto “speciale” studiato apposta per il tuo consulente finanziario indipendente

 

Commissioni:

  • Conto trading
    In questo caso ci sono due profili commissionali, uno fisso e uno variabile:
    • Fisso:
      Si paga 8€ ad operazione (c’è la possibilità di ridurlo a 2,50€ se si effettuano molte operazioni)

    • Variabile:
      Si paga lo 0,17% dell’importo dell’operazione con un minimo di 2,5€ e un massimo di 19,95€

 

  • Conto indipendente
    Questo tipo di conto è riservato ai clienti che hanno un consulente finanziario indipendente. Infatti per accedervi è necessario collegare il vostro conto al conto del vostro consulente indipendente in modo che potrà inoltrarvi direttamente i consigli d’investimento e visualizzare il vostro conto senza però poter effettuare alcuna operazione.

    Per questa soluzione la commissione è in forma percentuale fissa che può variare da uno 0,3% allo 0,1% sul capitale presente nel conto.




Fermo! Già qui potresti pensare di aver trovato la TUA migliore banca per investire, ma non fermarti qui!

Sicuramente le soluzioni viste finora sono molto vantaggiose e interessanti, ma anche le prossime potrebbero sorprenderti!

 

Per cui, continuiamo!

Widiba

Widiba è la banca digitale del gruppo Montepaschi. 

 

Commissioni:

Ha un profilo commissionale variabile che costa lo 0,15% del capitale dell’operazione con minimo 5€ e massimo 25€

Degiro

Degiro è una SIM (Società di intermediazione) olandese che offre il servizio di negoziazione di strumenti finanziari nei vari mercati.

 

Commissioni:

Tra tutti è quello che ha il profilo commissionale più basso. Costa 3€ ad operazione

 

Ha a disposizione una lista di ETF a zero commissioni o con una commissione di solo 1€ che puoi trovare qui

 

Purtroppo un lato che può essere scomodo è la gestione fiscale. Infatti Degiro è l’unico di questi intermediari che ha il regime fiscale dichiarativo. Significa che ogni anno è l’investitore che deve compilare il modello dei redditi e dichiarare eventuali plus-minusvalenze e capitali investiti. 

Degiro consegna un modulo precompilato in modo da agevolare questa pratica che rimane comunque in carico all’investitore

Mediolanum

Mediolanum è una delle più grandi reti bancarie del nostro paese.

 

Commissioni:

Le commissioni per negoziare con il conto di Mediolanum sono di 7€ per ogni operazione

Intesa Sanpaolo

Un’altra grande realtà finanziaria Italiana è Intesa Sanpaolo che da la possibilità ai suoi correntisti di avere accesso ai mercati finanziari

 

Commissioni:

Le commissioni di Intesa Sanpaolo per le operazioni sui mercati sono di 8,50€ ad operazione

Un regalo per te

Un regalino per te!

Eccoci! Innanzitutto grazie di cuore per essere arrivato fin qui con la lettura. La maggior parte delle persone cerca soluzioni immediate senza voler dedicare un minuto ad aumentare la propria consapevolezza. 

 

Per te che sei arrivato fin qui, meriti di ricevere un ulteriore strumento che ti aiuti nella scelta della migliore banca per te

 

Abbiamo visto tutte le varie banche, ma capire quale sia la migliore banca per investire non è ancora semplice.

 

Infatti dopo aver analizzato tutte queste alternative mi sono reso conto che riassumere in poche parole quale scegliere e perché fosse la soluzione migliore non era affatto semplice. 

 

Così ho deciso di creare un file che consenta di capire a colpo d’occhio quale sia l’intermediario con le commissioni più basse

 

Puoi accedere al file da questo link

(è gratuito e non ti chiedo nulla, ne nome, ne email o numero di telefono. Nulla. Eccoti il file!)

Con questo file potrai inserire il tuo capitale a disposizione e il numero di operazioni, poi attraverso un grafico potrai vedere immediatamente quale sia la banca con le commissioni più basse

La mia classifica:

Eccoci ad un riassunto finale. 

Personalmente considerando l’impatto delle commissioni, le funzionalità delle piattaforme, la “facilità di utilizzo” e il regime fiscale (che è uguale per tutte le alternative, ovvero che sarà la banca a sostenere l’impegno della dichiarazione fiscale al posto del cliente; tranne per Degiro che adotta il regime dichiarativo e deve essere il cliente ad adempiere agli obblighi fiscali).

Ritengo che la classifica tra questi intermediari sia la seguente:

 

  1. Directa
  2. Fineco
  3. Banca Sella
  4. Degiro
  5. Banca Sella conto indipendente
  6. Widiba
  7. Mediolanum
  8. Intesa San Paolo

Cosa uso io?

Ovviamente ognuno di noi ha esigenze diverse per cui occorre capire quale sia l’intermediario che soddisfa meglio le nostre esigenze

 

Per me, la migliore banca per investire si è rivelata essere un mix tra Directa e Degiro

Infatti Directa la utilizzo per gli investimenti a medio lungo periodo in ETF e ho scelto il profilo commissionale fisso (quello da 5€ ad operazione), mentre Degiro lo utilizzo per gli investimenti più speculativi che faccio sui mercati azionari.

 

È vero che Degiro comporta l’onere di badare al lato fiscale degli investimenti ma essendo in libera professione ho già un commercialista che segue la mia attività per cui integrare la gestione degli investimenti non è un onere insormontabile per me.

Conclusioni

Eccoci alla fine di questa guida alla scelta della migliore banca per investire.

Partendo dal fatto che non esiste “la banca migliore” in assoluto, ma ognuno di noi deve capire e trovare la banca migliore per sè. 

 

Abbiamo visto quali sono i vari piani commissionali e abbiamo considerato che la facilità di utilizzo dipende da ognuno di noi. 

 

Per me la soluzione migliore è stata l’abbinata Directa + Degiro, ma questo non significa che le altre alternative non vadano bene. 

 

Ad esempio Fineco ritengo sia un’ottima alternativa a Directa, anche se per avere un vantaggio sulle commissioni occorre possedere grossi capitali

 

Tu sei pronto a scegliere la TUA migliore banca per investire e dare una netta sterzata alle commissioni bancarie?

Non perderti questi articoli!

— LA NEWSLETTER SULLA FINANZA PERSONALE —

RESTIAMO IN CONTATTO!

Riceverai le notizie finanziarie da un punto di vista empatico e razionale

 

Se vorrai potrai rispondermi e conoscermi direttamente!